Avv. Giovanna Pellegrini
  • Avv. Giovanna Pellegrini
  • 17 Jun 2022
Condividi su:
Prescrizione cartelle Agenzia Entrate Riscossione: come comportarsi?

Prescrizione cartelle Agenzia Entrate Riscossione: come comportarsi?

La prescrizione di un credito contenuto in una cartella esattoriale, dipende dalla natura del credito stesso:occorre quindi verificare se si tratti di un cotributo dovuto all'INPS o INAIL oppure se sia un bollo dovuto alla Rgione... 

Il principio generale che si applica è 10 anni per le imposte erariali, mentre per le imposte locali la prescrizione è di 5 anni.

Tale termine rileva, in quanto, e’ il tempo entro cui l’Erario può riscuotere il debito, mentre la decadenza indica il termine entro quale l’Agenzia delle Entrate deve notificare la cartella.

A tal proposito, se la notifica avviene dopo la data di decadenza, la cartella è nulla e il credito non dovrebbe essere più riscosso.

Molto importante e’ dunque, controllare scrupolosamente le date con cui vengono notificate le varie cartelle esattoriali e, in caso di necessità, ci si potrà rivolgere direttamente all’Ente interessato per richiedere copia delle relative notifiche.

Articolo precedente